Abuso edilizio Spetta al richiedente provare la data utile necessaria al Condono

Abuso edilizio Spetta al richiedente provare la data utile necessaria al Condono

Abuso edilizio : Spetta al richiedente provare la data utile necessaria al Condono L’onere di provare l’ultimazione del manufatto alla data ultima utile per beneficiare del condono spetta all’interessato, poiché il periodo di realizzazione delle opere costituisce elemento fattuale rientrante nella disponibilità della parte che invoca la sussistenza del presupposto temporale per usufruire del condono […]

Leggi tutto
Danni a terzi: il committente può rispondere in solido con l’appaltatore

Danni a terzi: il committente può rispondere in solido con l’appaltatore

Danni a terzi: il committente può rispondere in solido con l’appaltatore La regola per la quale risponde il solo appaltatore ove abbia operato in autonomia con propria organizzazione e apprestando i mezzi a ciò necessari, o il solo committente, nel caso in cui si sia ingerito nei lavori con direttive vincolanti, che abbiano ridotto l’appaltatore […]

Leggi tutto
Quando un intervento può qualificarsi di ristrutturazione edilizia?

Quando un intervento può qualificarsi di ristrutturazione edilizia?

Quando un intervento può qualificarsi di ristrutturazione edilizia? Affinché un intervento sia di ristrutturazione edilizia deve potersi procedere, con sufficiente grado di certezza, alla ricognizione degli elementi strutturali dell’edificio (da ristrutturare), in modo tale che, seppur in parte diruto, ovvero non abitato o abitabile, esso possa essere comunque individuato nei suoi connotati essenziali, come identità […]

Leggi tutto
La certificazione sulla stabilità della fondazione non attenua la responsabilità dell’appaltatore

La certificazione sulla stabilità della fondazione non attenua la responsabilità dell’appaltatore

La certificazione sulla stabilità della fondazione non attenua la responsabilità dell’appaltatore Secondo la Cassazione, ordinanza 1 ottobre 2019, n. 24466, l’obbligo dell’appaltatore di verificare la validità tecnica del progetto fornitogli dal committente non si attenua in presenza di certificazioni qualificate sulla fattibilità dell’opera, giacché la presenza di tali certificazioni non modifica la natura dell’obbligazione dell’appaltatore come […]

Leggi tutto
Gravi difetti dell’edificio: il venditore ha la stessa responsabilità dell’appaltatore?

Gravi difetti dell’edificio: il venditore ha la stessa responsabilità dell’appaltatore?

Gravi difetti dell’edificio: il venditore ha la stessa responsabilità dell’appaltatore? L’azione di responsabilità ex art. 1669 c.c. per rovina o gravi difetti dell’immobile può essere esercitata anche dall’acquirente nei confronti del venditore che risulti aver impartito direttamente o tramite il direttore dei lavori dallo stesso nominato indicazioni specifiche all’appaltatore ed esecutore delle opere, gravando sul […]

Leggi tutto
Il compenso dell’architetto si determina in base al valore delle opere

Il compenso dell’architetto si determina in base al valore delle opere

In difetto di pattuizione, il compenso dell’architetto si determina in base al valore delle opere Secondo la Cassazione civile, sentenza 23 settembre 2019, n. 23562, in mancanza di pattuizione del compenso, l’onere probatorio del professionista (nel caso di specie, architetto) viene assolto mediante la prova delle opere eseguite, dovendosi procedere alla sua determinazione secondo i […]

Leggi tutto