Progettazioni quali le competenze degli ingegneri e degli architetti

Progettazioni quali le competenze degli ingegneri e degli architetti

Progettazioni? quali le competenze degli ingegneri e degli architetti?
Se è ammissibile (alla luce di una nozione estensiva di “edilizia civile”) abilitare la figura professionale dell’architetto alla sottoscrizione dei progetti relativi alla realizzazioni tecniche di carattere rigorosamente accessorio, preordinate al mero collegamento di opere edilizie alla viabilità ad esse strettamente servente, alcuna estensione si legittima in relazione alle “proposte progettuali migliorative” ovvero alle “varianti” di cui all’art. 95, comma 14 e 94, comma 1 lettera a) d.lgs. n. 50/2016, che, nella loro attitudine integrativa o modificativa, sono in ogni caso accessorie all’opera viaria, e non certamente alle opere di edilizia civile e sono di pertinenza della figura dell’ingegnere. Lo stabilisce il Consiglio di Stato, sez. V, sentenza 11 febbraio 2021, n. 1255.

PRECEDENTI GIURISPRUDENZIALI:
Conformi: Cons. stato sez. II, 12 marzo 2015, n. 1692
Cons. stato sez. VI, 15 marzo 2013, n. 1550
Cons. stato sez. V, 15 dicembre 2020, n. 8027
Cons. stato sez. V, 20 novembre 2018, n. 6552

Difformi: Non si rinvengono precedenti

La progettazione delle opere viarie che non siano strettamente connesse con i singoli fabbricati, è di pertinenza degli ingegneri, in base all’interpretazione letterale, sistematica e teleologica degli artt. 51, 52 e 54, r.d. 23 ottobre 1925, n. 2537 (Regolamento per le professioni d’ingegnere e di architetto), in quanto le ridette previsioni regolamentari sono espressamente mantenute in vigore dall’art. 1, d.p.r. n. 328 del 5 giugno 2001, oltre che dagli art. 16 (per gli architetti) e 46, comma 2 (per gli ingegneri iscritti alla sezione A), di cui allo stesso d.p.r. (Cons. stato, sez. V, 15 dicembre 2020, n. 8027; Cons. stato, sez. V, 17 luglio 2019, n. 5012).
In particolare, l’indicato art. 51 prevede che “sono di spettanza della professione d’ingegnere il progetto, la condotta e la stima dei lavori per estrarre, trasformare ed utilizzare i materiali direttamente od indirettamente occorrenti per le costruzioni e per le industrie, dei lavori relativi alle vie ed ai mezzi di trasporto, di deflusso e di comunicazione, alle costruzioni di ogni specie, alle macchine ed agli impianti industriali, nonché in generale alle applicazioni della fisica, i rilievi geometrici e le operazioni di estimo”; e l’art. 54, ai commi 2 e 3, precisa che, mentre gli ingegneri “sono autorizzati a compiere anche le mansioni indicate nell’art. 51 del presente regolamento, eccettuate le applicazioni industriali”, le competenze dell’architetto sono espressamente escluse “per le applicazioni industriali e della fisica, nonché i lavori relativi alle vie, ai mezzi di comunicazione e di trasporto e alle opere idrauliche”.
Se, perciò, è ancora ammissibile (alla luce di una nozione estensiva di “ edilizia civile”) abilitare la figura professionale dell’architetto alla sottoscrizione dei progetti relativi alla realizzazioni tecniche di carattere rigorosamente accessorio, preordinate al mero collegamento di opere edilizie alla viabilità ad esse strettamente servente (Cons. stato sez. II, 12 marzo 2015, n. 1692/12 e Cons. stato sez. VI, 15 marzo 2013, n. 1550), alcuna estensione si legittima in relazione alle “proposte progettuali migliorative” ovvero alle “varianti” di cui all’art. 95, comma 14 e94, comma 1 lettera a) d. lgs. n. 50/2016, che, nella loro attitudine integrativa o modificativa, sono in ogni caso accessorie all’opera viaria, e non certamente alle opere di edilizia civile (Cons. stato sez. V, 15 dicembre 2020, n. 8027; Cons. stato sez. V, 20 novembre 2018, n. 6552).
Esito:
Riforma Tar Campania, sez. I, n. 3006/2020
Riferimenti normativi:
Art. 51, r.d. n. 2537/1925
Art. 52, r.d. n. 2537/1925
Art. 54, r.d. n. 2537/1925
Consiglio di Stato, sez. V, sentenza 11 febbraio 2021, n. 1255