Offerta illegittima se non si considerano i costi dell’avvalimento

Offerta illegittima se non si considerano i costi dell’avvalimento

Offerta illegittima se non si considerano i costi dell’avvalimento È illegittima l’offerta di una ditta che partecipa ad una gara la quale per giustificare la sostenibilità economica di una offerta e, dunque, la sua congruità, in sede di giustificazione della rilevata anomalia, non solo abbia omesso di considerare fra i costi il corrispettivo dovuto per […]

Leggi tutto
Oneri di sicurezza interni,il punto del TAR

Oneri di sicurezza interni,il punto del TAR

Oneri di sicurezza interni,il punto del Tar Non può disporsi l’automatica esclusione dalla gara di un’impresa che non ha indicato separatamente nell’offerta i costi della manodopera, così come previsto dall’art. 95, comma 10 del d.lgs. n. 50/2016, nel caso in cui la modulistica di gara predisposta dalla stazione appaltante non consenta di inserire i costi […]

Leggi tutto
Appalti:obbligo di mantenimento dei livelli occupazionali,le clausole sociali

Appalti:obbligo di mantenimento dei livelli occupazionali,le clausole sociali

Appalti:obbligo di mantenimento dei livelli occupazionali,le clausole sociali In caso di clausola sociale l’obbligo di mantenimento dei livelli occupazionali del precedente appalto va contemperato con la libertà d’impresa e con la facoltà in essa insita di organizzare il servizio in modo efficiente e coerente con la propria organizzazione produttiva, al fine di realizzare economie di […]

Leggi tutto
Appalti: offerta economicamente vantaggiosa, le opere aggiuntive

Appalti: offerta economicamente vantaggiosa, le opere aggiuntive

Appalti: offerta economicamente vantaggiosa, le opere aggiuntive Per opera aggiuntiva si deve intendere un intervento di modifica qualitativa e/o quantitativa dell’opera oggetto dell’appalto inidoneo a produrre punteggio. Lo stabilisce il Tar Molise, sez. I, con la sentenza del 14 ottobre 2019 n. 340. PRECEDENTI GIURISPRUDENZIALI: Conformi: Tar Venezia, Sez. I, 26/08/2019 n. 938; Tar Toscana Firenze […]

Leggi tutto
Appalti di lavori: i concorrenti possono offrire soluzioni tecniche migliorative ma senza variazioni tipologiche e strutturali

Appalti di lavori: i concorrenti possono offrire soluzioni tecniche migliorative ma senza variazioni tipologiche e strutturali

Appalti di lavori: i concorrenti possono offrire soluzioni tecniche migliorative ma senza variazioni tipologiche e strutturali Nelle procedure a evidenza pubblica finalizzate all’aggiudicazione di un contratto pubblico, le soluzioni migliorative si differenziano dalle varianti perché le prime possono liberamente esplicarsi in tutti gli aspetti lasciati aperti a diverse soluzioni sulla base del progetto posto a […]

Leggi tutto
Offerta tecnica e offerta economica: devono sempre essere separate a certe condizioni

Offerta tecnica e offerta economica: devono sempre essere separate a certe condizioni

Offerta tecnica e offerta economica: devono sempre essere separate a certe condizioni Il principio di separazione tra offerta tecnica e offerta economica, denominato anche come divieto di commistione, risponde alla finalità di garantire la segretezza dell’offerta economica; tale divieto non va inteso in senso assoluto e non può essere interpretato in maniera indiscriminata, al punto […]

Leggi tutto
Appalti: indicazione separata, in sede di offerta, dei costi per la manodopera e degli oneri per la sicurezza, parola all’Adunanza Plenaria

Appalti: indicazione separata, in sede di offerta, dei costi per la manodopera e degli oneri per la sicurezza, parola all’Adunanza Plenaria

Appalti: indicazione separata, in sede di offerta, dei costi per la manodopera e degli oneri per la sicurezza, parola all’Adunanza Plenaria L’Adunanza plenaria del Consiglio di Stato è stata chiamata a dirimere il contrasto giurisprudenziale sull’interpretazione dell’art. 95, comma 10, del d.lgs. n. 50 del 2016 (codice dei contratti pubblici), in relazione alla mancata indicazione separata, […]

Leggi tutto
Contratti pubblici: revisione dei prezzi solo per proroghe e non per i rinnovi

Contratti pubblici: revisione dei prezzi solo per proroghe e non per i rinnovi

Contratti pubblici: revisione dei prezzi solo per proroghe e non per i rinnovi Per qualificare la tipologia contrattuale (rinnovo o proroga) non è rilevante la qualificazione giuridica formalmente attribuito dalle parti, bensì l’esistenza in concreto, per il rinnovo di una nuova negoziazione e per la proroga del solo effetto del differimento del termine finale del rapporto, […]

Leggi tutto